lastradamaestra

mangiare, fiorire, ridere, fotografare


1 Commento

Pane fatto in casa con lievito madre

Era trascorso diverso tempo dall’ultima volta in cui mi ero cimentata nella realizzazione del pane di casa con il lievito madre. Vuoi gli impegni di lavoro, vuoi la lunghezza della preparazione – è necessario sempre programmare quando si desidera fare il pane e una volta iniziato non si può tornare indietro- vuoi la pigrizia (talvolta anch’essa ci sopraffà) …insomma la vita quotidiana di chi lavora e ha famiglia non sempre ci permette di conciliare tutto ed io non avevo più provato a fare il pane in casa.

Qualche sera fa però leggevo le ricette degli spacciatori di pasta madre e mi son detta: devo riprovarci! Così ho scelto la ricetta del pane fatto in casa con lavorazione semplice a due impasti, ho studiato i tempi per adeguarli alle esigenze del mio week-end et voilà!!! Ho fatto le mie pagnottine e vari altri esperimenti. Ne sono soddisfatta anche se l’alveolatura non è comunque eccezionale, stavolta ho ottenuto un pane simile a quello del forno per odore e per sapore.

Qui sotto ecco tutti le fasi della lavorazione con gli orari in cui ho eseguito i vari passaggi.

PRIMO IMPASTO (O RINFRESCO DELLA PASTA MADRE) ore 21:00

200 gr di pasta madre

500 gr di farina 0 bio

300 gr di acqua tiepida (non deve superare i 35°)

1 cucchiaino di miele

  1. In una ciotola sciogliete il miele nell’acqua e poi aggiungete la pasta madre facendola sciogliere bene.
  2. Aggiungete la farina e lavorate il tutto con un cucchiaio oppure con una spatola. Poi lavorate il tutto a mano, l’impasto deve risultare liscio ed elastico.
  3. Mettete a riposo per 8/12h nel forno spento.

PANE A DUE IMPASTI

4. Il mattino seguente l’impasto deve essere raddoppiato. Ecco come si presentava il mio alle 9:00 del giorno successivo.

PANE A DUE IMPASTI-12h lievitazione

SECONDO IMPASTO (ore 9:30)

350 gr di impasto rinfrescato la sera prima

800 gr di farina a piacere (io ho utilizzato 650 di farina O bio + 150 gr di farina integrale bio)

300 gr di acqua tiepida

3 cucchiaini di sale

INGREDIENTI A PIACERE: olio evo (almeno 3 cucchiai), semi di lino, sesamo, girasole e così via.

  1. Lavorate l’acqua con il lievito. Aggiungete 1/2 della quantità della farina e poi lavorate il tutto lentamente. Aggiungete il sale + gli ingredienti a piacere. Io ho utilizzato 3 cucchiai di olio evo e una manciata di semi di lino.
  2. Lavorate aggiungendo gradualmente l’altra metà della farina. Lavorate a lungo mi raccomando (forse io sono stata un po’ parca) Formate le pagnotte o le trecce  e mettetele a lievitare per la massimo 4 ore (oltre l’impasto inacidirebbe).

PANE A DUE IMPASTI-dopo 3h lievitazione

(ore 12:30) Cuocete in forno statico a 250° per i primi 10 minuti poi a 200° per circa 50 minuti.

Ecco il risultato:

PAGNOTTA CON LIEVITO MADRE

TRECCIA LIEVITO MADRE

Con gli avanzi di impasto ho provato inoltre a fare altri esperimenti: paninetti e grissini. Sono venuti meglio i secondi!

 

Annunci


Lascia un commento

Panini al latte semi-integrali

PANINI AL LATTE SEMI-INTEGRALI“Il pane è dei golosi” diceva il mio bisnonno. E come dargli torto. Lui, che aveva combattuto come alpino nella I° guerra mondiale e che aveva dovuto vivere anche la desolazione e la fame durante il II° conflitto, come non poteva affermare ciò. Il pane è la vita. Il pane è la cosa più buona che c’è. Sempre. Quando il cibo scarseggia e anche quando il cibo abbonda.

Ma per essere buono deve essere ben lievitato, fatto con lieviti, farine e olio di ottima qualità.

Ecco la mia ricettina, nata dal caso e dalla necessità ( non avevo pane e non avevo voglia di uscire)!

INGREDIENTI

400 gr di farina di kamut

100 gr di farina integrale

1 panetto di lievito di birra

200 ml di latte tiepido

100 ml di acqua

2 cucchiai di olio evo

1 cucchiano di bicarbonato

sale qb

PREPARAZIONE

Pesate le due farine e mescolatele ben bene. Intiepidite il latte e scioglieteci il lievito. Poi aggiungete l’acqua e continuate a mescolare. Mettete le farine nel robot da cucina e iniziate a mescolarle. Aggiungete il cucchiaino di bicarbonato e un pizzico di sale. Piano piano aggiungete il latte con dentro il lievito sciolto e l’acqua. Continuate a far girare il robot e aggiungete l’olio. Fate amalgamare bene gli ingredienti finché non si formerà un panetto ben compatto. A questo punto togliete il panetto dal robot e continuate a lavorarlo sulla spianatoia. Mettete a lievitare per 1h e 1/2.

Rimpastate il panetto e fate rilievitare per un’altra ora. Infine rilavoratelo e fate rilievitare di nuovo per un’altra ora!!!

Dopo tutti questi passaggi date all’impasto la forma di un serpentone e tagliate i panini. Date loro la forma che desiderate e spennellateli con olio e acqua.

Cuocete a 200° per 20 minuti.

Appena sfornati fateli intiepidire un po’ e farciteli coi salumi che amate di più!!!


Lascia un commento

Serata panino

SERATA PANINO

SO 80’S

Qualche sera fa una serie di fortunati eventi mi ha portato a decidere all’ultimo momento la cena. Mi sono ritrovata con una spesa fatta di fretta evari ingredienti nel frigo che non erano nati per essere assemblati come poi lo sono stati effettivamente. Ne è nato un panino che gustoso è dire poco! Per questo è ho detto prima Fortunatamente, perché le cose fatte all’ultimo minuto spesso hanno un esito migliore di quelle programmate a lungo.

Per assemblarlo servono i seguenti ingredienti:

1 panino

1 hamburger con media cottura

cavolo cappuccio tagliato finemente

olive taggiasche sott’olio

pomodori datterini tagliati sottili

senape piccante

sale e olio evo qb

PREPARAZIONE

Mettete a cuocere l’hamburger su una piastra rovente. Nel frattempo aprite in due il panino e scaldatelo in entrambi i lati sempre sulla stessa piastra. Togliete il pane non appena si è leggermente bruscato e stendeteci uno strato di senape, le olive taggiasche, i pomodorini e il cavolo cappuccio. Condite con sale e olio. Poi aggiungete l’hamburger anch’esso dovrà essere condito con sale e olio. La cottura dovrà essere media. Infine fate un altro strato di olive taggiasche e pomodorini e infine altra senape. Chiudete il panino e appoggiatelo sulla piastra ancora calda e…gnam! Date il primo morso, non ve ne pentirete!!!

Vi assicuro che è strepitoso!!!

PS Mi dispiace per la mancata foto dell’interno, se vi fidate garantisco io per lui (il panino eh?)!!!