lastradamaestra

mangiare, fiorire, ridere, fotografare


1 Commento

Liberiamo una ricetta: Spezzatino di vitella in bianco

SPEZZATINO IN BIANCO

Anche quest’anno non volevo mancare! Dopo il gustoso e rassicurante rösti dello scorso anno ho deciso di dedicarmi ad un secondo piatto della tradizione, semplice e gustoso, per partecipare all’iniziativa Liberiamo una ricetta promossa dal portale di Mammafelice!

Si tratta di un piatto della tradizione italiana che preparo periodicamente nel periodo invernale per tutta la famiglia. L’unica cosa di cui dovete disporre è del tempo, poiché la cottura lunga è strettamente necessaria. Utilizzare la vitella, rispetto al vitellone, vi avvantaggerà nei tempi di cottura, tuttavia è pur sempre opportuno calcolare almeno un’ora e mezza per ottenere il piatto finito. 

INGREDIENTI

500 gr di spezzatino di vitella

1 costola di sedano

1 carota

1/2 cipolla bianca

1/2 bicchiere di vino bianco

farina qb

un limone bio

rosmarino fresco o secco tritato finemente

olio evo

sale e pepe qb

PREPARAZIONE

  1. Preparate il battuto di sedano carota e cipolla. Tagliate la scorza di limone in listarelle sottili. Aggiungete il rosmarino tritato.
  2. Infarinate i bocconcini di spezzatino con molta cura utilizzando una ciotola capiente.
  3. Fate scaldare in una padella antiaderente dell’olio evo e buttateci il soffritto con le scorzette di limone.
  4. Dopo un paio di minuti aggiungete i bocconcini infarinati e fateli rosolare a fuoco vivo.
    SEPZZATINO IN BIANCO IN COTTURA
  5. Sfumate con 1/2 bicchiere di vino bianco e abbassate la fiamma.SPEZZATINO ROSOLATO
  6. Fate cuocere a fuoco lento per un’ora. Aggiungete qualche cucchiaio d’acqua se dovessero asciugarsi troppo sia la carne sia il battuto di verdure. Assaggiate sempre la carne che a fine cottura deve risultare morbidissima.

Buon appetito!!!

“Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia. Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web”.

Annunci


7 commenti

Liberiamo una ricetta: rösti mon amour!

rosti

Nel pensare alla mia ricetta per l’iniziativa “Liberiamo una ricetta” mi è subito venuto in mente lui. Non ho avuto dubbi. Un piatto semplice e un po’ rustico che non posso non amare. Un personale comfort food. Questo è il genere di ricetta che mi riguarda. Che mi coccola. Che mi ci vuole la sera, quando sono stanca e – tornata dal lavoro e risolte le varie incombenze quotidiane – mi ritrovo davanti ai fornelli. Non so se mi sono spiegata. Io il rösti letteralmente lo pretendo quando fuori piove o, meglio ancora, nevica. Quando si sente nell’aria l’umidità e l’odore delle stufe e dei camini che bruciano la legna secca, che crepita, che scoppietta. Quando l’umidità ti è entrata bene bene nelle ossa e non aspetti nient’altro che sederti davanti al camino acceso! Ecco quindi il mio rösti, per voi, per chi lo voglia provare!

INGREDIENTI

3 patate di media grandezza (rosse o gialle – io preferisco le rosse)

1/2 cucchiaino di paprika

riccioli di burro

sale e pepe qb

PREPARAZIONE

Tagliare con la grattugia dai fori larghi le patate. Unitele in una ciotola a sale, paprika e pepe e mettetele a cuocere in una piccola padella in cui avrete sciolto un bel ricciolo di burro! Quando il lato a contatto col burro si sarà ben rosolato giratelo e fate fare la crostincina all’altro lato. Gustatelo ben caldo!

“Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia. Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web”.