lastradamaestra

mangiare, fiorire, ridere, fotografare

Schiaccia con l’uva

9 commenti

SCHIACCIA AL'UVA-COTTAQuesta ricetta è senza dubbio più settembrina che novembrina. Lo so. In effetti giaceva nelle mie bozze mentali da tempo, solo che soltanto stasera ho avuto modo di riordinare le idee e di raccontarvela. Questo tipo di schiaccia si prepara di solito nel periodo della vendemmia qui in Toscana, con l’uva ben matura che si ha a disposizione. Risulta golosissima nella versione preparata con l’uva fragola: del resto come potrebbe non esserlo? Anche se devo ammettere che con l’uva fragola preferisco sensibilmente la gelatina! (Ricordate la ricetta? Si tratta di una alle quali sono più legata, poiché tra le prime ad essere pubblicate nel mio piccolo blog!!!)

Tornando alla schiaccia…

Un pomeriggio d’ottobre avevo a disposizione la classica uva da tavola del vigneto di famiglia, del lievito madre da poco rinfrescato e un barattolino di zucchero d canna. Se 2+2 fa 4 non potevo che fare la mia amata schiaccia!!! No!?

Mi sono sincerata della validità della mia ricetta da colei che me ne prepara ogni anno una versione gustosissima, ovvero la mamma, e così mi sono messa all’opera.

INGREDIENTI

150 gr di lievito madre rinfrescato la sera prima

300 gr di farina tipo 0

acqua tiepida

1 cucchiaino di zucchero bianco

olio evo qb

uva da tavola ben matura

zucchero di canna

cannella in polvere

PREPARAZIONE

  1. Per prima cosa ho preparato l’impasto sciogliendo il lievito madre nell’acqua tiepida e aggiungendo un cucchiaino di zucchero.
  2. Secondariamente ho aggiunto la farina e un giro di olio evo. Ho impastato e ho messo a riposare per due ore.
  3. Dopodiché ho steso l’impasto sulla teglia ben oliata ed ho disposto sulla superficie i chicchi d’uva tagliati a metà, spolverizzandoli con zucchero di canna (abbondante) e della cannella in polvere.SCHIACCIA ALL'UVA
  4. Ho lasciato riposare nel forno spento per circa un’ora e mezza e infine ho cotto a 200° in forno statico per circa 20 minuti.

SCHIACCIA ALL'UVA-COLLAGENon appena uscita dal forno l’ho fatta riposare su di una gratella… ma non abbastanza poiché mi sono ustionata per benino la lingua con il sughino rilasciato dall’uva ! In più lo zucchero si è appiccicato alle mani quel tanto che basta per ricordarmi quali erano i piaceri della me versione bambina e infine il profumo mi ha inebriata a tal punto che ne ho fatto una bella indigestione. La digestione è stata alquanto intensa. Bell’epilogo no?

PS Dedicato ad una persona che l’avrebbe apprezzata alla grande!

Annunci

9 thoughts on “Schiaccia con l’uva

  1. che bella…e che buona! l’ho fatta anche io quest’anno con la Barbera perché l’uva fragola non ci piace ma non ho fatto in tempo a fotografarla…spazzolata!
    L’anno prossimo potrei provare con l’uva bianca…
    un abbraccio e buona serata
    Silvia

  2. Io forse la preferisco con l’uva fragola, ma come te con quella faccio sempre la gelatina, buona per accompagnare sia dolce sia salato. Ci penso un po’ di come adoperarla in una schiacciata… Forse facendo due strati di pasta lievitata e tra i due la gelatina, che dici?

  3. Che buona la schiacciata con l’uva! Non avevo capito che anche tu sei toscana!
    Io la faccio con l’uva nera, quella dai chicchi piccolissimi e fitti fitti…e lo sai che credo sia stata laia prima ricetta pubblicata in assoluto?! 🙂

  4. Pingback: Schiaccia con l’uva fragola | lastradamaestra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...