lastradamaestra

mangiare, fiorire, ridere, fotografare

Olive del contadino

2 commenti

OLIVE DEL CONTADINO I

Io sono maremmana. Vengo da quella Maremma selvaggia, collinare, intensa, forte, sperduta e isolata che molti amano ma che altrettanti odiano. Poiché lontana da tutto, da ciò che intrattiene e diverte, a ciò che è veramente utile, lavoro e centri ospedalieri in primis. Sebbene nel mio paese ci sia il primo ospedale d’Italia di medicina integrata molte cose non funzionano. Ma altre sono eccezionali! Il paesaggio, la possibilità di fare una vita semplice, sana, a contatto con la natura e di avere tutto a portata di mano senza fare code. Dove esiste la semplicità (a volte fin troppa…). Si capisce che sono combattuta? Tra due fuochi?

Va beh… polemiche e rimembranze a parte,  oggi intendo parlarvi delle olive del contadino, un piatto povero e tipicamente legato alla stagione fredda che usavano preparare i nostri nonni e che fa parte dei ricordi della mia infanzia. Di quelli che si perdono nella notte dei tempi. Questo ovviamente vale per me. Un piatto che andrebbe preparato ogni autunno e inverno per coloro che amiamo. Bisognerebbe coinvolgere anche i bambini e far loro scoprire come si fa. Queste sono le olive che facevano i miei bisnonni e che mettevano in tavola per i pranzi e le cene autunnali ed invernali. Sono le olive che faceva mia nonna. Sono le olive che ha fatto mia mamma quando ero bambina. Quelle che ora faccio io. E non mi sembra vero. In un certo senso queste olive somigliano alla mia gelatina d’uva fragola. Sono proustiane.

Sentimentale e nostalgica.

Mi ricompongo.

Ciò che ci serve sono delle olive. Semplici olive giunte a maturazione. Leccine o canine. Dopo averle raccolte è necessario farle essicare al sole, in un ambiente secco e asciutto. Quando saranno essiccate sono pronte per essere conservate in barattoli di vetro, per esempio. Infine sono pronte per essere condite. Prima andranno sbollentate almeno 10 minuti (una cosa simile si fa con i pomodori secchi). Poi si aggiungono solo e rigorosamente: scorza d’arancia, olio evo, sale e finocchietto (il fiore essiccato, mi raccomando!).

E buon appetito!

Postilla Chiunque voglia correggermi od integrare o dare altre versione sarà ben accetto!!!

Annunci

2 thoughts on “Olive del contadino

  1. mi sbaglio ma alcuni mettono anche un po’ d’aglio?

  2. è vero!!! ecco una variante Stefania!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...